Barcelona
, 08. Novembre 2016
Il film secondo Hitchcock

Cinema. François Truffaut intervista Alfred Hitchcock

Nel 1967 il regista e attore francese François Truffaut intervistò il leggendario regista inglese Alfred Hitchcock. Non si trattò di un’ intervista convenzionale: 50 ore e circa 500 domande, attraverso le quali si ripercorreva la filmografia del regista sin dal suo esordio nel cinema muto fino a “Il sipario strappato” del 1966. Questa intervista è stata raccolta  nel libro Il cinema secondo Hitchcock ", un lavoro che è risultato essere un testo di riferimento per tutti gli studiosi e gli appassionati di cinema.

x-working Hitchcock è certamente il maestro della suspense cinematografica.
Hitchcock è certamente il maestro della suspense cinematografica.

Questa intervista va ben oltre al commento della filmografia di Hitchcock. In essa, infatti, il maestro della suspense spiega qual è la sua idea di cinema. Cosa cercano gli spettatori in un film? Come lo realizzo? Attraverso le sue risposte capiamo chiaramente che nessun dettaglio dei suoi film è banale e che egli approfitta di ogni spazio e di ogni immagine per riempirli di elementi trascendenti per la storia. Questo conferisce grande drammaticità alla storia, senza che lo spettatore ne sia del tutto consapevole.

Hitchcock inoltre definisce la suspense, il mistero e la sorpresa e spiega come ogni elemento sia differente dall’altro e possa trasferirsi sul grande schermo. Parla di cinema puro, di quel cinema che senza aver bisogno di dialogo, solo attraverso le immagini, riesce a dare allo spettatore le informazioni necessarie per capire i personaggi e le situazioni.

Egli condivide anche anche alcuni effetti usati nei suoi film, come mettere una luce in un bicchiere di latte affinché lo spettatore deduca che contiene veleno o far correre un'ambulanza per due chilometri per rendere realistico il suono della sirena all'arrivo sulla scena del crimine. E, naturalmente, ci spiega che cosa è il famosissimo "MacGuffin".

Infine, non si può non far riferimento all'impatto di alcuni dei suoi film negli anni 60. Anche se un film come "Vertigo" non viene preso particolarmente in considerazione in questa intervista, nel corso degli anni è stato considerato da alcuni esperti come il miglior film della storia del cinema.

Hitchcock parla dei suoi film, dei  suoi attori, degli sceneggiatori, del simbolismo (che spesso ci sfugge), delle sue paure e delle sue paranoie, nel cinema e nella vita reale. Il tutto con il suo inconfondibile senso dell'umorismo.

© 2016 – x-working

Ricerca articolo in

x-working Rivista d'Arte - Team di Redattori

Il team x-working di redattori che indagano e scrivere per la rivista d'arte:

Profile picture for user sonja_bachmann
Sonja
Bachmann
Profile picture for user sonja.bachmann
Sonja
Bachmann
Arti Letterarie
Profile picture for user Eugenia
Eugenia
Kistereva
Disegno
Profile picture for user giuliana_koch
Giuliana
Koch
Arti Letterarie
Profile picture for user mercedes_llorente
Mercè
Llorente
Arti Letterarie
Profile picture for user Giulia
Giulia
Mi
Recitazione
Profile picture for user annelie_neumann
Annelie
Neumann
Arti Letterarie
Profile picture for user Daria_Ivanova
Дарья
Иванова
Arti Letterarie